logo Unesco

11 DICEMBRE 2021 - IPPOLITO NIEVO A SABBIONETA

11 DICEMBRE 2021 - IPPOLITO NIEVO A SABBIONETA

Ippolito Nievo è stato uno dei massimi scrittori italiani dell’Ottocento; la sua opera maggiore “Le confessioni di un italiano” è ritenuta uno dei tre più importanti romanzi del secolo insieme ai “Promessi sposi” del Manzoni e “I Malavoglia” di Verga.

Ippolito proveniva da una famiglia di antica nobiltà mantovana e la sua infanzia, adolescenza e giovinezza le trascorse tra Lombardia, Veneto e Friuli. Nel 1846 il padre, Antonio, venne nominato pretore di Sabbioneta

e si stabilì nella città gonzaghesca per alcuni anni. Ippolito quindi, pur non vivendoci stabilmente la frequentò con assiduità dal 1847 al 1850; in alcune occasioni la sua permanenza si protrasse per mesi. Antonio Nievo viveva in affitto nella casa degli Ottolenghi per cui Ippolito ebbe relazioni con la famiglia di Giuseppe, futuro generale senatore e ministro, e di suo fratello Emanuele con cui strinse una solida amicizia. Lo scrittore ha lasciato lettere, scritte da Sabbioneta oppure indirizzate al padre, con considerazioni sulla città.

Le frequentazioni sabbionetane di Ippolito Nievo saranno oggetto di un convegno storico che si terrà sabato 11 dicembre alle ore 16 nell’Aula Magna di Palazzo Forti; incontro organizzato congiuntamente dalla Associazione Pro Loco e dal Comune di Sabbioneta per onorare il doppio anniversario nieviano (Ippolito era nato a Padova nel 1831 ed è scomparso, in circostanze tragiche, nel mar Tirreno nel 1861).

Sarà la studiosa mantovana Mariarosa Palvarini Gobio Casali, autrice di due recenti saggi su Ippolito Nievo pubblicati a cura dell’Associazione Postumia e sul periodico “La Reggia”, a illustrare i rapporti tra lo scrittore e Sabbioneta. Il contesto storico relativo alla presenza ebraica nel quale si trovò a vivere il giovane Ippolito sarà invece esposto da Alberto Sarzi Madidini, cultore di storia locale. Il pensiero di Nievo, infatti, fu anticipatore della partecipazione ebraica al Risorgimento come si intuisce dal dramma “Emanuele” dedicato all’amico e coetaneo Emanuele Ottolenghi.

La conferenza, introdotta dai saluti istituzionali del sindaco di Sabbioneta Marco Pasquali, è ad ingresso libero e gratuito, obbligatoria la “Certificazione Verde”. Non è necessaria la prenotazione, per eventuali informazioni contattare l’Infopoint (0375 221044 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

0
0
0
s2smodern